mercoledì 25 febbraio 2015

Problemi della piscina e soluzioni

 Vedi il sito Acqua-spa.it

Con questo primo post affrontiamo tre fra i più comuni problemi relativi alla piscina. Ne seguiranno altri nei prossimi post.


Il fondo della piscina é scivoloso

Causa: Sporcizia, alghe in piscina.
Soluzione:
- Spazzolare il fondo piscina con l'apposita attrezzatura manuale od, eventualmente, utilizzare il robot pulitore automatico
- effettuare una clorazione shock con cloro granulare (con titolo al 56 % di cloro, 30 g. ogni 10 mc. di acqua);
- analizzare l'acqua di piscina con il test-kit
- correggere con idoneo prodotto il valore del pH (non tutto in una volta in quanto il processo non è lineare).
APPROFONDIMENTI: La sporcizia che si deposita sul fondo della piscina viene portata dentro dai nostri piedi, dal vento o può anche essere un inizio di formazione algale. E' generalmente facile da eliminare utilizzando l'attrezzatura per l'aspirazione del fondo vasca. Per i più reticenti alla fatica è utilissimo il robot per piscine, il quale una volta immerso in acqua, durante il suo ciclo, pulisce al nostro posto tutta la piscina.  Di robot pulitori per piscina esistono versioni soft che spazzolano e aspirano solo il fondo, e versioni più avanzate che puliscono anche le pareti, con o senza telecomando. 


La piscina presenta macchie sul fondo

Causa: Formazione di alghe, muffe passanti attraverso porosità del telo di rivestimento, precipitazione di particelle o oggetti metallici precipitati sul fondo della piscina.
Soluzione:
Occorre innanzitutto stabilire la natura della problematica. E' infatti possibile che le macchie siano riferibili a fattori interni alla piscina (ad esempio formazione di alghe, particelle di metallo presenti nell'acqua di immissione o piccoli oggetti (ad esempio forcine per capelli) che cadono sul fondo della piscina.
In tal caso è necessario:
- eseguire mediante l'apposito test-kit un'analisi dell'acqua della piscina per determinarne i valori di cloro e pH;
- ricondurre, se necessario, i parametri ai valori corretti;
- eventualmente additivare l'acqua con prodotti sequestranti per metalli o chelanti (reagenti che legano fra loro più particelle in modo stabile, come fossero stretti fra le tenaglie di un granchio, da qui il nome).
Nel caso in cui la problematica fosse legata a muffe causate da fattori esterni alla piscina, occorre svuotare la piscina, trattare con appositi antimuffe il materiale sottostante il rivestimento in PVC (normalmente poroso) e riempire nuovamente d'acqua. Se l'inconveniente dovesse ripresentarsi, si potrebbe addirittura arrivare a dovere interporre un foglio di polietilene fra il basamento della piscina ed il rivestimento in PVC. 


C'è una linea gialla o marrone o verde sul liner della piscina

Causa: Grassi cutanei, creme solari abbronzanti con quantità elevate di siliconi.
Soluzione:
- Pulire con apposito prodotto alcalino/sgrassante
- Far fare una doccia ai bagnanti prima di entrare in piscina. 
APPROFONDIMENTI: L'alone giallastro più o meno scuro che si forma sulla linea d'acqua è dovuto principalmente al rilascio delle sostanze grasse della cute. Per rimuovere lo sporco è sufficiente utilizzare un prodotto alcalino sgrassante per la pulizia del liner. Per rallentarne invece la formazione, sono utili appositi accessori da posizionare all'interno del cestello dello skimmer i quali, in prima battuta durante l'aspirazione dell'acqua, assorbono gran parte dei grassi in sospensione.
Tratto dal sito Acqua-spa.it